Candidato:

Alessandro Canessa Sattanino

A.S.D.:

Tevere Power Zone ASD

Regione

Lazio

Mail:

sattanino@gmail.com

Telefono:

333 6146628

Sito Web:

Chi sono

Economista e informatico, ho studiato a Roma e Boston e insegnanto Politica Economica e Storia del pensiero economico in Molise e a Roma. Parlo quattro lingue e attualmente collaboro con l’Università Gregoriana.
Sono stato Presidente della FISB nel quadriennio 2009 2012. Con la mia presidenza il Bilancio federale è stato risanato (partendo da un deficit di 170.000 €) e ho lasciato un surplus di 35.000 €. Ho iniziato le grandi riforme del Bowling italiano come la formazione dei tecnici e l’introduzione delle tecniche moderne di lancio. Ho iniziato la riforma dell’amministrazione della FISB, purtroppo non proseguita. Nell’ultimo consiglio sono entrato come Tesoriere a fine 2018. Ho accettato perché il bilancio federale era di nuovo disastroso. Ho guardato i conti, ho capito i problemi, ho convinto il Consiglio a cambiare strada. Alla fine ho lasciato un risultato annuale 2019 positivo per quasi 40.000 €. Insieme ad altri, ho concepito e testato il progetto Leva Bowling per portare alcune decine di migliaia di tesserati Amatori in Federazione: in due mesi un solo Centro ha fatto 600 nuovi tesserati.
Con grandi numeri tutto sarebbe diverso. Si può fare, so farlo e vorrei farlo.

Il mio obbiettivo

Portare a compimento il risanamento finanziario definitivo della Federazione. Realizzare il progetto Leva Bowling per costruire una nuova Federazione, che punti sui giovani e sul Bowling come sport sociale e creare un flusso finanziario annuale (grazie a 50.000 tesserati amatori) che ci affranchi almeno in parte dal CONI. Perché i fondi del CONI non aumenteranno ma invece diminuiranno.

La squadra

Cosimo Zecca - Presidente

  • Paola Andrello – Consigliere
  • Alessandro Canessa Sattanino – Consigliere
  • Antonello Langiu – Consigliere
  • Giuseppe Lestingi – Consigliere
  • Martino Pota – Consigliere
  • Elisa Primavera – Consigliere
  • Arcangelo Priulla – Consigliere
  • Claudio Valentini – Consigliere
  • Nicoletta Anedda – Rappresentante Atleti

I miei obbiettivi.

Il mio obiettivo è realizzare il programma del candidato Presidente che conosco e che sostengo: Cosimo Zecca.
Naturalmente partendo dalla Leva Bowling.
Nessuno può, come Cosimo, difendere e promuovere il Bowling presso il CONI e presso le amministrazioni centrali e regionali.
Ricordo solo che già una volta, durante il Commissariamento seguito alla disastrosa Presidenza successiva alla mia, Cosimo Zecca ha salvato la FISB dall’essere accorpata ad altra Federazione. E’ un fatto.
Va anche detto che Cosimo a volte è un gran testardo, ma ci si ragiona. Sempre.
Vorrei anche collaborare con Antonello Langiu alla rivoluzione digitale della gestione della FISB. Che sia eletto (come credo) o no, Antonello è uno dei maggiori asset Federali. Senza di lui come Responsabile dell’IT il lavoro degli ultimi due anni sarebbe stato molto più difficile.

Il mio programma in breve.

….. preferisco dirlo in un video! Per chi vuole leggere, contenuti sono più o meno questi

Dobbiamo immaginare una nuova stagione per il Bowling italiano e questo non solo perché il COVID ci ha costretto a ripensare il nostro stile di vita ma anche perché abbiamo la fortuna di poter combinare molti elementi positivi per creare un nuovo sistema sportivo che superi il pessimismo e la nostalgia.
Il mio programma punta su di un vero ampliamento del numero dei tesserati che, se tutto andrà come spero nel nuovo Consiglio, potrà arrivare entro due o tre anni a raggiungere i 50.000 iscritti. Questo sviluppo è legato ad un rapporto nuovo con i Centri Bowling, con una collaborazione che è stata concretamente sperimentata durante le vicissitudini del Covid: l’associazione informale SOS Bowling ha collaborato in modo fattivo con la Federazione permettendo di definire i protocolli di gioco per la riapertura degli impianti ed aprendo una stagione di dialogo molto concreta.
Gli elementi che mi portano a credere nella possibilità di un vero rilancio del Bowling sono diversi.
Abbiamo avuto i successi straordinari della Nazionale maschile a livello mondiale, confermati dalla messe di medaglie agli europei del 2019 e, non dimentichiamolo, da una performance di altissimo livello al BallMaster, il più importante torneo europeo. Dietro di loro esiste un folto numero di giovani talenti che ci dimostrano la non episodicità dei successi del gruppo dei nostri attuali giocatori eccellenti. Quindi all’eccellenza internazionale ci siamo ritornati, e da questo possiamo costruire una nuova e grande stagione del Bowling italiano.
La politica di sviluppo verso i giovani, nel settore maschile e femminile, deve essere al centro della nostra attenzione.
Per avviare questa nuova stagione abbiamo bisogno di mezzi. Mezzi che dobbiamo prima di tutto generare noi, al nostro interno. Abbiamo visto quanto sia irrealistico pensare di trovare i fondi per gli investimenti nell’attuale situazione del CONI. Al massimo possiamo ottenere (e abbiamo ottenuto) qualche contributo straordinario per premiare i nostri risultati eccezionali. Ma ci vuole ben altro.
Penso che una strada esista e che sia una strada concreta. Abbiamo anche realizzato un esperimento molto significativo nel 2019 per testare il sistema che abbiamo chiamato Leva Bowling: la sperimentazione in soli due mesi ha fatto 600 tesserati alla ASD Bowldogs di Ciampino.
600 tesserati sono più di un quarto degli agonisti praticanti della FISB attuale.
La Leva si basa su di un meccanismo vincente per i Centri, per le Associazioni sportive, per la Federazione. La FISB può riconoscere come attività sportiva tutta l’attività istituzionale che viene organizzata dalle AS a livello agonistico o amatoriale. La proposta è che qualsiasi persona scenda in pista per abbattere birilli e non solo per attività “giocosa” e informale sia tesserata alla FISB (con una quota di tesseramento minimo). Tutta questa attività istituzionale, se riconosciuta dalla FISB (e solo dalla FISB) è decommercializzata, quindi praticamente non è gravata da imposte: una grande opportunità che nessun altro paese europeo ha.
Ecco che realisticamente si può puntare a tesserare molto nuovi Amatori. Perché per la prima volta i Centri e le ASD che organizzano questa attività possono avere un grande incentivo economico, non pagando imposte su quanto incassano.
Un’altra grande incremento all’attività Federale può venire dal riconoscimento degli impianti a posizionamento dei birilli “a filo” che sono, insieme a quelli più piccoli (8 piste o meno) fuori dal circuito federale: in una rinnovata attività amatoriale anche questi Centri, attraverso AS di nuova costituzione o esistenti, possono svolgere attività istituzionale riconosciuta e quindi beneficiare dei grandi vantaggi fiscali esistenti. Questo allarga di molto la platea dei Centri facenti parte potenzialmente dello Sport Bowling: la popolazione di riferimento è di 200 centri!

Dunque, tornando ai mezzi economici necessari, dalla Leva Bowling possiamo aspettarci molto: probabilmente almeno 50.000 tesserati entro 3 anni e quindi nuovi introiti da tesseramento, da iscrizione di nuove Associazioni e da formazione/accreditamento dei tecnici e degli operatori. Il che corrisponde, in un orizzonte di due tre anni necessari per avviare il sistema, a introiti tra 100 e 150.000 euro annui.

Altri risparmi rispetto ai costi attuali si possono ottenere da una riorganizzazione (anche digitale) della struttura gestionale della Federazione. Su questo fronte penso che potremo contare su di un ulteriore contributo di 40 – 50.000 euro.

In totale, la nuova FISB potrà contare su di un incremento di fondi propri tra 150.000 e 200.000 euro che dovrebbero essere a regime tra tre anni ma inizieranno a entrare nelle casse federali in minor misura già nel 2021.

Con questi fondi, diventerà possibile curare la formazione dei tecnici di ogni livello, riorganizzare e innovare il settore arbitrale, promuovere lo sviluppo giovanile con specifici programmi ed accordi con i Centri (nessuna promozione del Bowling può avvenire senza il coinvolgimento dei proprietari e dei gestori dei Centri), potenziare i programmi di alto livello con un’attività internazionale adeguata come già progettato dallo staff tecnico della Federazione, promuovere il settore femminile, riorganizzare i settori Aziendale e Seniores e, aspetto fondamentale, abbassare i costi per i giocatori agonistici, riducendo progressivamente le quote partecipazione e promuovendo attività di Lega a basso costo, anche come evoluzione dei volanti e dei tornei informali in generale.

Chi entra in un Centro e punta ad abbattere più birilli possibile deve essere iscritto in Federazione come Amatore. Chi gioca senza regole e per festeggiare con gli amici, sarà il nuovo cliente “Open”.